Torna alla home page
Benvenuto nel nostro sito
FAIL (the browser should render some flash content, not this).
  Home Aiuto Cerca Accedi Registrati Benvenuto! Accedi o registrati.
Novembre 19, 2017, 09:20:05
Novità: MONGOL RALLY !!!!!!!!!

+  Serenissima Viaggi - Forum
|-+  Racconti di viaggio
| |-+  VIAGGI 2011 CON SERENISSIMA VIAGGI
| | |-+  Carnevale di Viareggio - 20 Febbraio 2011
« precedente successivo »
Pagine: [1] Stampa
Autore Topic: Carnevale di Viareggio - 20 Febbraio 2011  (Letto 13047 volte)
andrea.morandi
Ospite
« on: Luglio 09, 2012, 09:21:52 »

Erano giorni che controllavamo spasmodicamente ogni sito o telegiornale che parlasse di meteo in cerca di rassicurazioni, ma le previsioni non promettevano niente di buono: il giorno della prima sfilata del carnevale di Viareggio avrebbe piovuto in tutta la Toscana!
Partiamo per le 7 da Vercelli e in poco più di 3 ore raggiungiamo la Versilia: nel tragitto incontriamo diversi nuvoloni e siamo investiti da numerosi scrosci di pioggia, ma la guida e poi i responsabili delle biglietterie sono concordi: il carnevale si farà ... o al peggio verremo rimborsati nel primo pomeriggio!

La pioggia continua a scendere impietosamente sulle nostre speranze e col passare del tempo iniziamo a delirare, scervellandoci nel pensare a cosa fare se la sfilata venisse annullata. Potremmo investire i 13 euro del rimborso in secchielli e palette e realizzare  un castello sulla sabbia oppure prenderci qualcosa al bar del prestigioso Hotel Principe di Piemonte? Forse basterebbero giusto per un caffè al banco…

Arrivati nella zona liberty della passeggiata rimaniamo preda di un’ allucinazione collettiva: sarà il freddo, sarà la fame, ma ci capita di vedere dei biscotti Pan di Stelle correre sul lungomare! Poi ci rendiamo conto che sono solo ragazzine travestite, ma soprattutto ci accorgiamo che i carri stanno prendendo posizione: la sfilata si farà!
Ci rifugiamo in un bar per un po’ di ristoro e alle 15 puntualmente alcuni colpi di cannone ci avvertono dell’inizio della manifestazione.













Circa venti carri, tra prima e seconda categoria, sfilano a suon di musica, mentre le maschere ballano con coreografie improvvisate o addirittura studiate a dovere: la più suggestiva è quella in stile Bollywood con decine di indiani che si muovono in sincronia sotto lo sguardo di un grandioso Ganesh, la divinità induista con quattro braccia e la testa di elefante.








I primi carri che vediamo sono davvero imponenti: un enorme Barack Obama troneggia su un circo delle pulci a stelle e strisce, ma l’Osama Bin Laden in carne e ossa che spunta dal suo cilindro non promette niente di buono!








Due carri della prima categoria sono dedicati al mare, ma con punti di vista differenti: in quello degli “Abissi” due banchi di acciughe sono inseguiti da uno squalo celato alle loro spalle, in quello della “Mattanza” è lo squalo a essere preda dell’uomo e delle sue enormi reti.










Rimaniamo stupefatti di fronte al grande numero di movimenti per ogni carro e alla cura dei particolari, anche in quelli di seconda categoria: tra tutti “La bestia”, una creatura fatta di enormi ingranaggi, biro, lamiere e altri elementi tecnologici, come cavi usb che escono da ogni parte.









Numerosi anche i gruppi mascherati, anche se alcuni con il costume di cartapesta hanno preferito non sfilare sotto la pioggia e sono rimasti parcheggiati a lato sfilata, protetti da teli trasparenti.







Le oltre due ore di sfilata passano in un attimo e altri colpi di cannone annunciano la fine del carnevale … ma c’è ancora voglia di stare in giro e divertirsi: la pioggia non fa più paura a nessuno e l’entusiasmo è ancora alto perché la sfilata è stata davvero bella.
Gli altoparlanti continuano a trasmettere canzoni a tema carnevalesco, si ride sentendo quelle composte da viareggini e “dedicate” ai vicini lucchesi con i quali non corre buon sangue.  





















Alle 18 puntuali saliamo sul bus e prendiamo la strada del ritorno: siamo un po’ bagnati e infreddoliti, ma l’importante è aver visto un magnifico carnevale, pensiamo che sia valsa davvero la pena venire a Viareggio!
Burlamacco e Ondina, le maschere della città, ci hanno graziato … ci accorgeremo solo il giorno dopo del loro scherzo: raffreddore e mal di gola per alcuni di noi, d’altronde è il minimo per aver avuto i piedi fradici per quasi tutta la giornata!
Logged
Pagine: [1] Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  


Login con nome utente, password e durata sessione

Powered by SMF 1.1.9 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!
© 2009 Serenissima Viaggi srl
Tutti i diritti riservati
P.Iva 01241430022